La mediazione umanistica e la tragedia greca – Dell’avvocato Marco Benecchi

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Jacqueline Morineau, fondatrice del metodo umanistico, pone al centro della mediazione la persona e i suoi valori più profondi, quelli che vengono raggiunti e feriti dal conflitto ed opera affinché emergano e vengano conosciuti e ri-conosciuti anche dall’altro confliggente.

La mediazione umanistica segue il percorso della drammatizzazione greca: 

  • theoria (esposizione del vissuto, essere ascoltato senza essere giudicato); 
  • krisis (secondo passo verso la verità in cui si manifesta la vergogna e la fragilità dell’essere umano);
  • katarsis (incontro e riconciliazione). 

Sempre secondo Jacqueline Morineau: 

«I greci avevano avuto la bella idea di drammatizzare le situazioni e di metterle in scena come strumento di vita. La mediazione è la stessa cosa. La mediazione accoglie il dramma e conduce la sofferenza verso un altro livello. La guarigione può avvenire solo attraverso la cura dell’anima. Se non si raggiunge la dimensione più elevata è molto difficile trovare la pace».

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *