Affidamento condiviso, quando può funzionare. – dell’avv. Marco Benecchi

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Secondo Steinman (1981) l’affidamento condiviso può funzionare se:
– c’è una buona collaborazione e comunicazione trai i genitori;
– entrambi i genitori si rendono flessibili all’interno di una chiara struttura;
– gli spostamenti dei figli non sono troppo lunghi e stancanti;
– i figli non hanno la preoccupazione di doversi dimostrare leali nei confronti di entrambi i
genitori;
– sono risolvibili i dettagli pratici (per esempio avere dei duplicati di cose che possono servire
ai figli nelle case di entrambi i genitori);
– sono rispettate le amicizie e gli interessi-attività dei figli;
– i genitori sono in grado di ascoltare i bisogni dei figli e vogliono adattare l’accordo in base
alle loro esigenze;
Secondo Smart (2004) i tre fattori che determinano il successo o il fallimento degli accordi di
affidamento condiviso sono:
– se viene data la priorità agli interessi dei figli;
– se gli accordi sono flessibili e non rigidi;
– se i figli si sentono a loro agio con entrambi i genitori.

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *