Il sentire e il rispecchiare. – dell’avv. Marco Benecchi

Condividi questo Articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Il mediatore avverte lo sconforto delle parti, sente la sofferenza del confliggente ma non diventa il
confliggente.
Questo sentire e rispecchiare del mediatore è funzionale all’espressione della libera volontà degli
attori del conflitto di rimuovere alcuni degli ostacoli rispetto a un eventuale cambiamento nella loro
relazione: un cambiamento mediato, appunto, da un arricchimento nelle percezioni reciproche
soprattutto a livello emotivo e che quindi sorge dai confliggenti e non è prodotto dal mediatore.

Altro da visitare

Mondo ADR

Mediazione e locazione – dell’avv. Elena Gorini

Le cause in materia di locazione (commerciale e non) rientrano tra quelle assoggettate alla mediazione obbligata a pena di inammissibilità della domanda giudiziale. Obbligatorietà che

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.