IL PARLAMENTO EUROPEO – DELLA DOTTORESSA LAURA BIANCHI

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

L’Unione Europea è un’organizzazione politica ed economica a carattere sovranazionale, nata dalla volontà di cooperare dei sei paesi che stipularono gli accordi fondativi del Mercato Comune Europeo, il Trattato di Parigi del 1952: CECA – Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio e i Trattati di Roma del 1957 che istituirono la Comunità Atomica Europea e la Comunità Economica Europea.

Il Mercato Comune si basava (e tutt’ora si fonda) su quattro libertà fondamentali, quella di circolazione delle persone, quella della circolazione dei servizi; quella della circolazione delle merci ed, infine, quella della circolazione dei capitali.

La denominazione di ‘Unione Europea’ deriva dal Trattato di Maastricht del 1992, la sua acquisizione della personalità giuridica INTERNAZIONALE, invece, dal Trattato di Lisbona del 2008.

Per perseguire i propri obiettivi l’UE agisce tramite alcune istituzioni, previste dall’art. 13 TUE:

 

  1. Parlamento UE
  2. Consiglio dell’UE
  3. Commissione europea
  4. Corte di giustizia
  5. Banca centrale
  6. Corte dei conti
  7. Il Consiglio

 

 

 

  1. Parlamento UE

Il Parlamento UE è attualmente composto da 705 deputati, eletti a suffragio universale e diretto dai cittadini europei, ossia dai cittadini degli Stati membri,  che in esso sono quindi democraticamente rappresentati, a livello dell’Unione.

Questo organo ha un ruolo fondamentale nel processo decisionale dell’UE: condivide, infatti, con il Consiglio il potere di adottare e modificare le proposte legislative e di decidere sul bilancio dell’UE.

In base alle modifiche apportate dal Trattato di Lisbona, è il Parlamento a eleggere il Presidente della Commissione e vigila sull’operato della Commissione stessa e degli altri organi dell’UE.

Il Presidente attuale è Roberta Metsola (Malta), avvocato specializzato in diritto e politica europea che ha lavorato come addetta alla cooperazione legale e giudiziaria all’interno della Rappresentanza permanente del suo Paese presso l’Unione europea.

 

 

Base giuridica:

Articolo 14 del trattato sull’Unione europea (TUE) e articoli 223, 224, 226, 229, 231 e 232 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (TFUE)

 

 

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *