DIVISIONE EREDITARIA – dell’avvocato Vanilla Tagliaferri

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Il giudizio di divisione ereditaria è disciplinato dagli artt.713 e ss c.c., lo scopo valutare la “massa ereditaria” da suddividere tra gli eredi e formare le singole quote ereditarie. Ogni coerede si pone virtualmente in “contrasto” con gli altri eredi in quanto ciascuno deve avere una quota pari agli altri e nessuno deve leso nel proprio diritto. Ciò premesso, appare condivisibile l’importanza di ricorrere alla mediazione in questa materia, in caso di contrasto tra le parti, in quanto non solo non si possono definire contenziosi puri e semplici in quanto, spesso, sottendono rivendicazioni di carattere personale , che solo in ambito di mediazione si riesce a scardinare, discutere e superare. Appare importante sottolineare che , qualora le parti, raggiungono un accordo in mediazione sulla suddivisione di diritti reali su beni immobili o quote di essi, questo potrà essere direttamente trascritto previa l’autentica notarile. Inoltre “Il verbale di accordo è esente dall’imposta di registro, tale beneficio rende la procedura di mediazione particolarmente vantaggiosa in questa tipologia.

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *