DOVERI E RESPONSABILITA’DEL MEDICO SPECIALIZZANDO – della dottoressa Simona Loprieno

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

In tema di responsabilità in capo al medico specializzando è necessario fare un po’ di chiarezza.

Vediamo di affrontare, seppure in modo sintetico l’argomento.

 

Prima di tutto si deve comprendere che il medico specializzando non è presente in struttura per la sola ed unica formazione professionale, né la sua è una semplice presenza passiva; si tratta pur sempre di un laureato in medicina e chirurgia, dotato di un’autonomia che, seppur vincolata al rispetto delle direttive impartite dal tutore, lo espone a responsabilità per gli atti compiuti. Pertanto, non si deve commettere l’errore di pensare che il medico in formazione specialistica sia esente a responsabilità dato che tende ad eseguire solo ordini imposti dai suoi superiori. Deve essere bandito, quindi, l’accostamento comune del medico specializzando ad un impotente esecutore di ordini.

È doveroso precisare che durante l’esercizio della professione: dal momento in cui lo specializzando accetta la cura di un paziente e lo prende a carico pur non avendo le competenze adatte, egli si rende responsabile di ogni errore commesso nei confronti del paziente in cura. Sul punto, si è espressa una recente sentenza della Cassazione (precisamente la n.26311/2019) che ha ribadito il concetto secondo cui il medico specializzando non può essere considerato un mero esecutore d’ordini del tutore anche se non gode di piena autonomia”.

Il dovere di diligenza

Il concetto espresso prima, ovvero quello di colpa così detta in termini tecnici per assunzione, trova la sua giustificazione nel dovere di diligenza. Nel caso della responsabilità del medico specializzando, il dovere di diligenza si concretizza nella capacità (e nell’obbligo) del medico in formazione specialistica di astenersi dal porre in essere azioni che possano determinare reati colposi. Questo dovrebbe avvenire grazie al buon senso del medico specializzando, che si dovrebbe rendere conto autonomamente di non essere ancora in grado di espletare azioni o prestazioni che richiedano una certa capacità e cognizione tecnica.

Riassumendo, si evince chiaramente che lo specializzando che, sbagliando, provochi una lesione o addirittura la morte del paziente sotto la sua responsabilità, sarà chiamato a rispondere penalmente del reato (per lesione od omicidio).

 

Dott.ssa Simona Loprieno

Tel.: +39 347 1329043

Mail: loprieno@studiolegaleloprieno.it

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *