Comodato e mediazione – dell’avv. Elena Gorini

Condividi questo Articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
L’eventuale inadempimento di un contratto di comodato d’uso costringe il comodante all’azione civile al fine di ottenere, ad esempio la restituzione dei beni oggetto del contratto.
L’azione giudiziale, però, deve essere preceduta da un tentativo di mediazione che l’art 5 del Dlgs 28/10 e successive modificazioni, impone come condizione di procedibilità.
In questo caso la mediazione è una necessità, ma è soprattutto un’opportunità che consente alle parti di evitare la lite davanti a un giudice e l’inevitabile sottomissione delle stesse ad una sentenza.
Attraverso il procedimento di mediazione le parti possono decidere in modo condiviso il contenuto di un accordo che, attraverso la sottoscrizione degli avvocati, ha efficacia esecutiva al pari di una sentenza. Il tutto con tempi e costi certi e contenuti.

Altro da visitare

Mondo ADR

Conflitto e comunicazione – avv. Marco Benecchi

All’interno del conflitto le incomprensioni derivanti da una cattiva percezione di ciò che una delle due parti vuole comunicare con il linguaggio verbale e paraverbale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *