LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE ALLA LUCE DELLA LEGGE DELEGA NR. 206/2021 – dell’Avvocato Grazia Longo

Condividi questo Articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Lo scorso  25 novembre 2021 la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva la legge delega al Governo relativa alla riforma del processo civile (Legge Delega 206/2021).
Queste le principali novità:
➡️ Tribunale della Famiglia e rito della famiglia
Istituzione di un rito unitario per la materia della famiglia, maggior ruolo e coinvolgimento della mediazione familiare e della figura del curatore speciale a tutela del soggetto minore di età.
Viene istituito il tribunale per le persone, per i minorenni e per le famiglie, composto da tribunali circondariali e un tribunale distrettuale, frutto della trasformazione dei tribunali per i minorenni.

➡️ Violenza sulle donne e sui minori
Velocizzare l’iter per l’adozione di provvedimenti a tutela della donna vittima di violenza e del minore oltre a prevedere strumenti di congiunzione  tra giustizia civile e penale. Inoltre, ove un minore rifiuti di incontrare un genitore, il giudice sentito lo stesso e assunta ogni informazione ritenuta necessaria, accerta con urgenza le cause del rifiuto e assume i provvedimenti nel superiore interesse del minore. Viene garantito, inoltre, che gli eventuali incontri tra i genitori e il figlio siano accompagnati dai servizi sociali, se necessario, e non compromettano la sicurezza della vittima.

➡️ Speditezza dei procedimenti
La riforma intende introdurre dei termini intermedi che seguono gli atti introduttivi, finalizzati a definire domande, eccezioni, richieste di prova e verrà
eliminata l’udienza di precisazione delle conclusioni.
Le udienze a trattazione scritta e le udienze da remoto diverranno strutturali e non più solo modalità eccezionali.

➡️ Prima udienza
Nell’atto di citazione devono essere subito esposti i fatti e gli elementi di diritto costituenti le ragioni della domanda, indicando anche i mezzi di prova dei quali intende valersi e dei documenti che offre.
Anche con nella propria comparsa di risposta devono essere esposte tutte le difese e bisogna prendere posizione sui fatti, indicando mezzi di prova e documenti.
Alla prima udienza le parti devono presentarsi personalmente e il giudice predispone una calendarizzazione del processo, fissando la seconda udienza entro 90 giorni.

➡️ Appello
L’impugnazione in appello che non presenta ragionevole probabilità di essere accolta, verrà dichiarata manifestamente infondata.
Prevista l’ammenda con un range tra 250 e 10.000 euro per le impugnazioni, contro l’esecuzione della sentenza, che risulteranno infondate.

➡️ Cassazione
Abolizione della sezione filtro, con contestuale assegnazione, a ciascuna singola sezione, del potere di filtro.
Compare il cd. rinvio pregiudiziale in Cassazione: il giudice, in via diretta, potrà investire la Suprema Corte delle questioni di mero diritto, nuove, di particolare importanza, che presentino gravi problematicità ermeneutiche, e con indole seriale.

➡️ ADR
Incentivi fiscali ulteriori per mediazione, negoziazione assistita, arbitrati, oltre alla previsione dell’estensione, in favore delle prime due, del patrocinio a spese dello Stato.
Le prove raccolte nelle procedure ADR, ove il tentativo di conciliazione non sia portato a termine, saranno utilizzate nel processo civile.

Altro da visitare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.